Santuario di S. Maria delle Grazie

La chiesa, disposta sul fondo di un ampio cortile contornato da un porticato, risale alla prima metà del Quattrocento ed è realizzata in stile tardogotico. Nel luogo dove oggi sorge la chiesa vi era un santuario pagano con una fonte che nel periodo etrusco-romano era consacrata ad Apollo, mentre nell’alto Medioevo era detta Fonte Tecta. Nel 1425, San Bernardino da Siena tentò inutilmente di farla distruggere. Cacciato dalla città, egli vi tornò nel 1428 riuscendo però questa volta nello scopo e facendo costruire al posto della fonte un oratorio dove tra il 1428 e il 1431, Parri di Spinello dipinse l’affresco con l’immagine della Madonna della Misericordia, oggi inserita nell’altare marmoreo di Andrea Della Robbia (1487-1493). Sul finire del XV secolo, Benedetto da Maiano eresse la scalinata esterna e il portico davanti alla chiesa, capolavoro di leggerezza e di grazia primo rinascimentale ispirata all’Ospedale degli Innocenti di Brunelleschi.

Contatti

Santuario di S. Maria delle Grazie
Via Santa Maria delle Grazie, 1
52100 Arezzo
+39 0575 323140