Trekking nei borghi e paesaggi di Piero

Piero è stato uno dei primi pittori a ritrarre fedelmente i paesaggi della Toscana o per meglio dire di quell’itinerario legato alla sua attività che si snoda nella provincia di Arezzo tra la Valtiberina con le località di Sansepolcro, Monterchi e la città di Arezzo. Uno degli aspetti più interessanti delle opere del maestro rinascimentale, sia che si tratti di affreschi che di dipinti su tavola, è il paesaggio al quale egli ha dedicato ampio spazio. I paesaggi utilizzati come sfondo per alcuni dei suoi dipinti da sono vere e proprie “prese in diretta” del reale ovvero ciò che i suoi occhi videro nel XV secolo. I fondali naturalistici delle opere di Piero, le belle vedute, le montagne brulle e sassose della sua terra natale sono quelle descritte in un viaggio da Sansepolcro ad Arezzo, passando per il valico de La Scheggia da Michel de Montaigne nel 1581, paesaggi mirabilmente immortalati nella parete di fondo della Resurrezione. Il paesaggio è un elemento di grande importanza anche nella celebre tavola del Battesimo di Londra, realizzata da Piero tra il 1448 e il 1452 come pannello centrale di un polittico per la chiesa di San Giovanni in Val d’Afra. Vi vediamo rappresentato uno sfondo paesaggistico con un fiume che attraversa l’aperta campagna dove c’è, molto distante, una città. Vi si è riconosciuto il torrente Afra con il paesaggio della valle in cui si trova la chiesa per la quale il polittico fu dipinto e la veduta di Sansepolcro sullo sfondo. E’ quindi evidente che la natura, intesa come paesaggio, reciti un ruolo di spicco nella sua pittura. Il paesaggio ci conduce, adoperando il fiume come guida, dal soggetto di quest’immagine, cioè il Battesimo, all’interno al mondo contadino del pittore, ovvero la campagna il cui perno è Sansepolcro. Negli affreschi realizzati da Piero nella chiesa di san Francesco ad Arezzo nella scena del Ritrovamento della Vera Croce è dipinta una veduta della città collinare come appariva nel Quattrocento, ancora cinta dalle mura trecentesche munite di torri, ripresa dal colle del Pionta, antica cittadella vescovile. Piero codificherà una punto di vista sulla città che sarà ampiamente ripreso nei secoli successivi in molte altre immagini dipinte o a stampa di Arezzo.

 

PERCORSI SUGGERITI:

Il Paesaggio del Battesimo di Piero della Francesca : Trekking in Val d’Afra e visita di Sansepolcro (7km)

Il Paesaggio della Resurrezione di Piero della Francesca lungo l’antico itinerario Sansepolcro-Arezzo : Trekking del valico della Scheggia

Il Paesaggio degli affreschi di Arezzo: Trekking urbano da Arezzo al colle del Pionta

(punto da cui è ripresa la veduta di Arezzo nel Ritrovamento della Vera Croce) in cui si tocca il Canto de’ Bacci con il palazzo della famiglia Bacci committente degli affreschi in San Francesco, piazza Grande dove si trovavano nel ‘400 le botteghe degli artigiani e i fondaci dei mercanti e il colle del Pionta.

 

Maggiori informazioni su

www.valtiberinaintoscana.it

www.benvenutiadarezzo.it

Proposte di pacchetti

Luogo: San Leo, Montecopiolo, Frontino, Badia Tedalda, Sansepolcro

Piero della Francesca diventerà la nostra guida a piedi lungo un itinerario molto bello per il paesaggio e aspetti storico...

Luogo: Rimini, Urbino, Sansepolcro, Arezzo, Loro Ciuffenna, Firenze

Piero della Francesca, maestro della prospettiva, ci regala un itinerario incredibilmente vario da percorrere in bicicletta

Luogo: Loc. Borgacciano - Montemiliano 44/3 - 52035 MONTERCHI (Arezzo)

Soggiorno in Agriturismo alla scoperta del mito della “Madonna del Parto” e dell’”Omo Salvatico”