Città e corti rinascimentali

Firenze, Arezzo e Sansepolcro: i Medici, i Bacci e la Confraternita della Misericordia

Con questo percorso tematico si vogliono mettere in evidenza e valorizzare le specificità culturali ed artistiche delle varie città della Toscana e delle corti rinascimentali nelle quali Piero della Francesca visse ed operò.

Ripercorrendo le tappe dei viaggi di formazione e di lavoro in Toscana del grande pittore – umanista che fu un intellettuale rinascimentale nel senso più alto del termine, questo itinerario artistico e culturale si snoda attraverso FIRENZE, SANSEPOLCRO e AREZZO. Ognuno di questi centri con la sua specificità è un esempio del policentrismo caratteristico dell’Italia Centrale nel Quattrocento e conferma la persistente vitalità delle tradizioni locali che ancora oggi danno dell’Italia un’immagine estremamente variata. I nuovi modelli della cultura rinascimentale furono elaborati a Firenze, dove il Rinascimento è nato e da cui si è irradiato verso gli altri centri italiani ed europei. Piero della Francesca fu presente a Firenze nel 1439 quando è ricordato in città nei documenti dell’epoca. Le città quattrocentesche in Italia si qualificarono soprattutto come sedi della «corte» di un signore, ma nel caso specifico di Firenze e delle altre città toscane dove il maestro visse alcune famiglie si distinsero dalle altre nel governo della cosa pubblica e nel mecenatismo artistico pur non essendo da soli al comando, come fu il caso dei Medici a Firenze. Accanto a queste famiglie molto ricche e influenti che intrapresero stimolanti iniziative di mecenatismo fiorirono nuove forme d’arte e nacquero circoli cui appartennero illustri personaggi che furono uomini di studio: latinisti, grecisti, umanisti, artisti, musicisti, poeti, letterati, filosofi, astronomi, e medici.

Seguendo questo itinerario si possono ricostruire lo scenario storico, il contesto culturale, le idee dei grandi personaggi delle città toscane frequentate da Piero mettendo in evidenza le grandi figure storiche di artisti, umanisti e mecenati in ognuno di questi centri culturali.

 

Toscana

  • Firenze: la corte dei Medici, gli umanisti e il concilio del 1439. Visita di Palazzo Medici Riccardi con gli affreschi della cappella dei Medici raffiguranti il Corteo dei Magi di Benozzo Gozzoli ispirati al concilio che si svolse a Firenze nel 1439, con i ritratti degli illustri personaggi della corte dei Medici o loro influenti amici che vi parteciparono.
  • Arezzo: la famiglia Bacci committenti degli affreschi della Leggenda della vera Croce di Piero della Francesca in San Francesco e i loro legami con papa Pio II Piccolomini. Visita agli affreschi di San Francesco con i ritratti dei Bacci
  • Sansepolcro: la confraternita della Misericordia, gli illustri cittadini biturgensi che ne fecero parte e che commissionarono il Polittico della Misericordia di Piero della Francesca. Visita del Museo Civico dove si trova il Polittico della Misericordia e della Confraternita della Misericordia.

Maggiori informazioni su

www.benvenutiadarezzo.it

www.valtiberinaintoscana.it

www.firenzeturismo.it

Proposte di pacchetti

Luogo: Anghiari (Arezzo)

Scoprire le opere di Piero della Francesca nella sua terra natale, la Valtiberina Toscana.

Luogo: Anghiari (Arezzo)

La Valtiberina Toscana, in Provinjcia di Arezzo, è la terra dove è nato Piero della Francesca. Vi invitiamo quindi ad...

Luogo: Anghiari (Arezzo)

Le terre di Piero della Francesca. Una settimana per scoprire le opere non solo in Valtiberina Toscana, ma anche ad...